Lingotto Fiere
20 - 21 ottobre 2021

News

Giovani talenti – Mino Caggiula Architects

15 settembre 2020

Nel panorama dell’architettura europea una realtà emergente può considerarsi lo Studio Mino Caggiula Architects con sede a Lugano. Attivo prevalentemente nel settore dell’edilizia residenziale, MCA Architects accoglie una quindicina di giovani professionisti e ha già redatto un centinaio di progetti molti dei quali realizzati. Legato all’eredità culturale della migliore tradizione ticinese che ha visto nelle figure di Tita Carloni, Mario Botta, Aurelio Galletti e Livio Vacchini i maggiori protagonisti, il giovane fondatore, l’architetto Mino Caggiula, grazie anche alla sua militanza negli Stati Uniti durante gli anni di formazione a fianco di maestri come Kenneth Frampton e Steven Holl, si è fatto promotore di una lungimirante operatività e di una peculiare attenzione rivolta alle problematiche costruttive, ambientali e paesaggistiche.


Di Enrico Leonardo Fagone

 

 

Il Canton Ticino, bacino principale di lavoro dello Studio, è oggi un’area in continua evoluzione sotto il profilo della densità ma anche uno dei più apprezzati contesti naturali d’Europa. Nonostante l’età media dei collaboratori sia di circa trent’anni, lo Studio ha acquisito mandati importanti per complessità e volumetria, oltre a progetti di ristrutturazione e interventi a diversa scala nel territorio. Developer e operatori finanziari del campo immobiliare rappresentano una committenza attenta a massimizzare i rendimenti degli investimenti verso la quale lo Studio intende tuttavia promulgare una qualità architettonica elevata e una coerenza nel rispetto del contesto urbano e del paesaggio, delle caratteristiche morfologiche e delle peculiarità emerse nei processi di urbanizzazione.

 

 


Nizza Paradise, complesso residenziale, Lugano Paradiso, 2017
La costruzione si estende per un superficie complessiva di 6750 mq destinata alle unità abitative e agli spazi comuni comprensivi di una SPA a disposizione dei residenti.

 



Nizza Paradise. Ampie balconate con parapetti in vetro, rivestimenti metallici e impiego diffuso di verde verticale contribuiscono all’integrazione del complesso nell’orografia del territorio.

 

 


Nizza Paradise. Interno di un appartamento.

 

 

Tra i progetti più recenti e di maggior rilievo figura il Nizza Paradise, un complesso residenziale situato a Lugano Paradiso nella zona collinare del Parco del Guidino. Le dinamiche che determinano la fisionomia di un territorio in rapida trasformazione come tutta l’area luganese assumono qui un valore paradigmatico e offrono interessanti spunti di riflessione. Particolare attenzione è stata dedicata all’interazione tra la dimensione privata delle residenze e la possibilità di attraversare il Parco del Guidino che sovrasta il panorama del lago di Lugano. Le unità abitative seguono la disposizione orografica del complesso edificato e attraverso ampie logge, vere proprie balconate, guardano l’intero perimetro del lago e la cittadina di Lugano sottostante. Gli appartamenti, alcuni dotati di giardino, godono inoltre di una più intima ed immersiva proiezione nel bosco retrostante stabilendo suggestivi punti di osservazione. All’interno del complesso sono inoltre presenti spazi di uso collettivo e una SPA.

 

 

 
Villa Trepp, casa-studio per l’artista Alice Trepp, Origlio, 2019

 

 


Villa Trepp. Il ‘cenote’ disposto al centro della struttura ipogea della costruzione.

 

 

Villa Trepp. La residenza accoglie ambienti di soggiorno e di lavoro disposti su una superficie di 450 mq.

 

 

Tra gli interventi per le tipologie residenziali unifamiliari Villa Trepp costituisce invece un progetto atipico, nel quale convivono le funzioni di una casa e di uno studio per un'artista. Il progetto affronta in questo caso il tema dell’architettura ipogea, totalmente mimetizzata ed integrata nel paesaggio. Il leggero declivio del terreno svela la presenza di un ‘cenote’, vero fulcro visivo ma anche di fruizione attorno al quale si sviluppa l’intera struttura degli ambienti di soggiorno e di lavoro. Su richiesta dell’artista un’attenzione particolare è stata dedicata alla luce e all’acustica, non soltanto all’interno quanto negli spazi esterni.

 

 

Paguro, edificio residenziale, Lugano, 2014
La costruzione ‘bifronte’ è ricavata mediante l’annessione di un’architettura storica preesistente. La superficie complessiva è di 1970 mq.

 

 

Incentrato invece sul delicato tema del rapporto con le preesistenze è infine Paguro, un edificio residenziale situato nel tessuto urbano di Lugano che accoglie unità abitative in parte ricavate in un edificio storico e in parte estese all’interno di un nuovo volume edificato. Anche in questo caso lo Studio Mino Caggiula Architects ha inteso superare ogni pregiudizio dichiarando un’identità duplice, che non rinnega l’ampliamento richiesto dalla committenza ma piuttosto punta a stabilire una nuova dialettica dell’architettura nel rapporto tra presente e passato.

 

 

Un’ampia rassegna dei progetti realizzati dallo Studio Mino Caggiula Architects unitamente a quelli in fase di costruzione sono raccolti nel volume Open Being a cura delle edizioni The Plan, in pubblicazione nel mese di settembre 2020.

Giovani talenti – Mino Caggiula Architects
Torna alla panoramica

Lighting partner

Partner Media

Con la partecipazione di

 

Media

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Design & Plan